• In saldo!
Le Cognac d'André L68/72
  • Le Cognac d'André L68/72
  • Le Cognac d'André L68/72

Le Cognac d'André L68/72

Cognac da un singolo barile, da una singola tenuta, con una miscela di annate.

Un cognac di straordinaria complessità progettato per essere sorseggiato.

Bottiglia da 500 ml con 54,3% di volume alcolico (ABV).

Cru: Fins Bois.

Numero di botti: 1.

Numero di bottiglie: 738.

Varietà di uva: Ugni Blanc.

Lotto: L.68/72.

290,00 €
Quantità

Le cognac d'andré

Documento d'identità

Cru

Fins Bois

Numero di botti

1

ABV

54,3%

Volume

500ml

Varietà di uva

Ugni Blanc

Numero di botti

738

Lot

L.68/72

Profilo aromatico

"Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua."

Sapori

Struttura

Agrumi
6
Fiori
5
Spezie
9
Frutta
7
Legno
7
8
Attacco
8
Complessità
4
Dolcezza
9
Persistenza

La storia

Questo eccezionale cognac, L68/72, è stato creato da André Porchet, un viticoltore/distillatore di sesta generazione. Gaëlle, la figlia più giovane di André, ci ha permesso di selezionare questo cognac molto speciale da Asnières-la-Giraud, nell’area di crescita di Fins Bois. Jean ha incontrato Gaëlle mentre entrambi erano studenti al Lycée Agricole de l’Oisellerie, vicino ad Angoulême, dove imparavano viticoltura e enologia. Alla fine dei loro studi, hanno perso i contatti per diversi anni, per poi incontrarsi nuovamente grazie ad alcuni amici comuni in Charente.

Gaëlle e suo fratello Yann, vignaioli di settima generazione, hanno preso in mano i 40 ettari di vigneto alcuni anni fa. Gaëlle ora divide la sua vita tra il suo Fins Bois natale e Bordeaux, dove il padre dei suoi figli è un talentuoso enologo. I Porchet coltivano le loro viti con la stessa passione e discrezione. Il detto “per vivere felici, vivi nascosti” potrebbe essere loro interamente. André è un uomo riservato e di poche parole. Si definisce un anello in una lunga catena di viticoltori. Mireille, una Charentaise adottata originaria della Bretagna, e André hanno lavorato insieme, nonostante le crisi vitivinicole, per far prosperare il loro vigneto di famiglia. Dai loro 10 ettari di viti nel 1975, sono riusciti a trasmettere circa 40 ettari ai loro figli. 

Senza mai aver smesso per alcun motivo, questa famiglia ha coltivato le stesse vigne dal 1680! Anche durante gli anni catastrofici della fillossera, non c’è stata interruzione nella produzione. André è stato in grado di trasmettere e custodire una tradizione di famiglia che risale a diverse centinaia di anni. I Porchet hanno una vera competenza viticola e una vera padronanza della distillazione.

Fino al 1974, la distilleria utilizzava un alambicco in legno/carbone da 10 litri. Da allora, il gas ha sostituito il carbone. Oggi, con altri due alambicchi da 25 Hl, la famiglia distilla l’intera produzione. Questo lotto L.68/72 è il testimone dei primi anni di André nel vigneto. Jean Pasquet è stato immediatamente colpito da questo Cognac molto atipico, perfettamente bevibile a un alto grado, una singolarità nel mondo del Cognac.

I Porchet hanno davvero un profilo aromatico distintivo. Gaëlle ama dire che “profuma di casa”, come se il profumo di questa bellissima acquavite la riportasse sempre in questo luogo, ovunque si trovi. La miscela delle diverse annate è stata creata nei primi anni '80 e non è stata modificata fino ad oggi. Da questo barile del lotto 68/72 siamo in grado di condividere 738 bottiglie, imbottigliate nella nostra tenuta il 7 settembre 2022.

Altri cognac

della gamma Trésors de Famille

Cognac Pasquet

le cognac de jean

Cognac Pasquet

le cognac de Christian

Cognac Pasquet

Claude  L.84