• In saldo!
  • Non disponibile
Le Cognac de Claude L.64
  • Le Cognac de Claude L.64
  • Le Cognac de Claude L.64

Le Cognac de Claude L.64

Cognac da un singolo barile, da una singola tenuta.

Un cognac di straordinaria complessità progettato per essere sorseggiato.

Bottiglia da 500 ml con 47,4% di volume alcolico (ABV).

Cru: Grande Champagne.

Numero di botti: 1.

Numero di bottiglie: 377.

Varietà di uva: Ugni Blanc.

Lotto: L.64.

350,00 €
Quantità
Non disponibile

Le cognac de claude

Documento d'identità

Cru

Grande Champagne

Numero di botti

1

ABV

47,4%

Volume

500ml

Varietà di uva

Ugni Blanc

Numero di botti

377

Lot

L.64

Profilo aromatico

"Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua." 

Sapori

Struttura

Agrumi
7
Fiori
5
Spezie
9
Frutta
7
Legno
9
7
Attacco
8
Complessità
5
Dolcezza
9
Persistenza

La storia

Nato sei mesi prima che suo padre fosse arruolato nella Seconda Guerra Mondiale, Claude Duluc è ancora qui oggi per condividere le sue esperienze colorate. Sebbene Touzac sia la sua città natale, la famiglia di suo padre proviene dalla regione del Bas Armagnac in Gascogna. Nel 1928, il padre di Claude, Gatien, arrivò nella Charente da giovane in cerca di una vita migliore. Nelle vicinanze, a Touzac, la famiglia Glemet gestiva anche la propria vigna di Grande Champagne. Edith Glemet e Gatien si incontrarono e si innamorarono. Si sposarono nell’aprile del 1937.

La guerra separò la giovane coppia e Edith tornò dai suoi genitori mentre Gatien fu tenuto prigioniero in una fattoria in Germania. Tornò nel 1945 dalla moglie e dal figlio e prese in mano i 6 ettari di viti del suocero, Jérôme Glemet, che aveva installato un alambicco nel tardo '30. Claude e i suoi fratelli e sorella, nati dopo la guerra, crebbero circondati dai vigneti. Quando Claude raggiunse l’età adulta, trovò un incarico per prendersi cura delle viti di un vicino in un sistema chiamato “metayage”. A sua volta, Claude fu inviato alla guerra in Algeria per 27 mesi tra il 1959 e il 1961. Al suo ritorno, lui e Marie-Rose, la figlia di un altro viticoltore a Touzac, si sposarono.

Durante il servizio militare, Claude dipendeva dall’aiuto di suo padre per coltivare le viti che aveva in cura. Tradizionalmente, un contratto di affitto qui in Francia è di 3, 9 o 18 anni. Il contratto di Claude scade dopo 9 anni, quindi nel 1971 Claude si trovò a cercare lavoro. Una distilleria a Touzac suggerì che potesse essere loro intermediario per le acquaviti, e lui accettò. Essere un intermediario, o courtier in francese, significa conoscere bene i viticoltori e le loro cantine e, allo stesso tempo, avere stretti legami con i negoziatori.

Claude iniziò con una sola distilleria, ma scoprì di avere un talento per la negoziazione delle vendite di cognac. In breve tempo ha guadagnato più clienti e viticoltori allo stesso tempo. In questa bottiglia c’è un cognac creato da Claude sulle viti che stava affittando dai suoi vicini, distillato nel piccolo alambicco installato da suo nonno. Questo è il primo cognac che abbiamo acquistato subito dopo averlo assaggiato. Era un piccolo barile da 195 litri, che ha prodotto un totale di 377 bottiglie. Abbiamo scoperto che il cognac è al suo miglior ABV a piena forza del barile, ovvero 47,4%. 

Amy PASQUET

Altri cognac

della gamma trésors de famille

Cognac Pasquet

Le cognac de Pierre

Cognac Pasquet

Le cognac de Noël

Cognac Pasquet

Le cognac de Paul